Scuola/ FI: “E’ nel caos. Avviare indagine su riforma”

Scuola/ FI: “E’ nel caos. Avviare indagine su riforma”

“La Buona scuola annunciata dal governo Renzi come la soluzione di tutti i mali annidati nel tempo ha generato caos nelle assunzioni, nella mobilità e nei decreti legislativi Madia sulla contrattazione”. Lo ha detto il capogruppo di Forza Italia alla Camera, Renato Brunetta, presentando con Elena Centemero la richiesta di avviare in Parlamento una indagine conoscitiva sulla legge. “La deriva dei governi Renzi e Gentiloni – ha affermato ancora – è quella rimettere nelle mani del sindacato la gestione della scuola: quel sindacato che tanti guasti ha prodotto al mondo della scuola che a detta di moltissimi è stato scardinato e degenerato, certamente non migliorato dal pansindacalesimo. Il combinato disposto tra la buona scuola, che in realtà è cattiva scuola, e i decreti delegati Madia sta producendo il caos nel settore. La scuola riguarda milioni di studenti, migliaia di docenti. E’ – ha concluso – un settore fondamentale, sensibile e delicato della nostra vita democratica ed economica”. Elena Centemero ha spiegato il motivi che l’hanno indotta a presentare la richiesta di una indagine conoscitiva. “A distanza di due anni scolastici, stiamo iniziando il terzo” dall’entrata in vigore della riforma “è opportuno che vengano resi noti i dati relativi all’implementazione della buona scuola. Ci vuole trasparenza e dati che dimostrino che il provvedimento ha avuto efficacia soprattutto per la formazione degli alunni e non è stato solo come noi crediamo un grande piano di assunzioni. Per poter fare delle correzioni, per cambiare ciò che è critico, si deve partire dall’oggettività. Vogliamo che tutti gli studenti italiani abbiano le stesse opportunità”, nelle grandi città come nei piccoli centri, ha aggiunto.

26 Settembre 2017