Road2sportnews.com “Ministro Fedeli, più soldi a chi lavora nel mondo della scuola”

Così la titolare di viale Trastevere, parlando con i giornalisti a Catanzaro a margine di un incontro sul tema “La sfida della comunità educante in Calabria”, organizzato dalla Regione Calabria e dall’Ufficio scolastico regionale. Perché qualche errore c’è stato, come denunciato dall’Udu nel caso di aziende che vogliono farsi pagare per concedere ore di alternanza: “Gravissimo che ci siano aziende che chiedono soldi per fare alternanza scuola-lavoro ha commentato la ministra Fedeli”.

“Si deve intervenire in maniera concreta, comunque – ha aggiunto oggi a Catanzaro – per prevenire la dispersione scolastica”.

“Stiamo applicando la buona scuola nelle sue parti migliori e in quelle qualificanti”.

“La crescita del Sud, non è soltanto un interesse locale e della Calabria, ma interessa tutto il Paese”.

Al centro del patto regionale c’è l’obiettivo di contrastare in modo efficace la dispersione scolastica, la povertà educativa, l’insuccesso formativo dei giovani e il preoccupante fenomeno dei Neet, ragazzi che non studiano e che non hanno né cercano un lavoro.

“Se vogliamo che anche in Calabria le agenzie negative o l’assenza di risposte in termini di occupazione trovino un ostacolo – ha spiegato Fedeli – occorre mettere in campo il valore educativo della scuola”.

Incontro con il mondo della scuola Alle ore 15.30, sempre a Perugia, presso la Sala Sant’Anna (via Roma) la Ministra Fedeli, insieme alla presidente Marini, parteciperà ad un incontro promosso dall’Ufficio scolastico dell’Umbria con i dirigenti delle istituzioni scolastiche dell’Umbria, docenti, rappresentanze sindacali e consulta degli studenti.

“Bisogna dare maggiore valore, anche riconoscendo loro un maggior valore economico, a tutte le figure che orbitano intorno e dentro la scuola”. Secondo Antonio Marziale, “stiamo vivendo un momento in cui la scuola è in difficoltà ed è sfilacciata dalla famiglia”.

A questo proposito la responsabile scuola e università di Forza Italia, onorevole Elena Centemero, ritiene che le 25mila cattedre in più non influenzeranno affatto la cosiddetta ‘giostra degli insegnanti’ a cui abbiamo assistito dallo scorso mese di settembre.

http://road2sportnews.com/2017/03/31/ministro-fedeli-pi-soldi-a-chi-lavora-nel-mondo-della-scuola.html

31 Marzo 2017