Interpellanza

Interpellanza

Incoraggiare maggiormente le studentesse e gli studenti a intraprendere percorsi di formazione nelle STEM (scienze, tecnologie, ingegneria e matematica) ed, in particolare, per colmare il gap di rappresentanza delle studentesse

 

Atto Camera

Interpellanza 2-01506

presentato da

CENTEMERO Elena

testo di

Venerdì 14 ottobre 2016, seduta n. 692

Il sottoscritto chiede di interpellare il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, per sapere – premesso che:
la crisi economica è ancora molto presente e si stanno facendo sempre più forti due tendenze: un declino della crescita della produttività e il persistere di disuguaglianze in termini di ricchezza, salari, benessere ed opportunità;
un settore particolarmente importante è quello dell’istruzione e della formazione: le competenze che si acquisiscono nel percorso di istruzione hanno un impatto diretto sulle possibilità e le tipologie di occupazione e dunque sulla retribuzione e sull’autonomia delle persone;
le donne continuano ad essere le più svantaggiate sul mercato del lavoro in termini sia di opportunità sia di retribuzione, dunque di autonomia;
i dati dell’OSCE mettono in luce che gli individui con più alta formazione e più alte competenze hanno maggiori possibilità di godere di buona salute, di avere un impatto sulle decisioni e sui processi politici e di partecipare ad attività associative o di volontariato: in una parola di partecipare e contribuire alla vita sociale, economica e politica del proprio Paese;
il programma PISA (The Program for international student assessment), con cui si valutano le competenze di studentesse e di studenti, prevede strumenti per misurare il benessere degli studenti (well-being) ed è pianificato un rapporto sulle politiche educative e sulle pratiche per diminuire le disuguaglianze sociali per il 2017;
persiste inoltre un consistente gap nel dotare gli studenti di solide skills – il che è preoccupante;
« The ABC of gender equality in Education» sottolinea che gli insegnanti e le scuole di molti Paesi debbono incoraggiare maggiormente le ragazze a vedere come le scienze e la matematica siano essenziali per la loro carriera e per le opportunità di vita. La raccomandazione del 2013 dell’OECD sulla gender equality nell’educazione, nell’occupazione e nelle imprese ha messo in luce che le donne rimangono decisamente sottorappresentate negli studi e nei lavori nelle cosiddette STEM, ossia nel campo delle scienze, dell’ingegneria e delle tecnologie –:
quali iniziative la Ministra interrogata intenda mettere in atto per incoraggiare maggiormente le studentesse e gli studenti a intraprendere percorsi di formazione nelle STEM (scienze, tecnologie, ingegneria e matematica) ed, in particolare, per colmare il gap di rappresentanza delle studentesse.
(2-01506) «Centemero».