IlCittadinoMB.it “Tagli degli autobus in Brianza: il conto alla rovescia non si ferma”

L’esito del conto alla rovescia appare inesorabile: tra 19 giorni le linee di autobus Z225 e Z227 potrebbero essere soppresse. Il provvedimento della Provincia può essere scongiurato solo da un contributo economico di Regione o governo. Lascerà a piedi 8.500 tra pendolari e studenti.

Nei prossimi giorni dovrebbe partire la lettera con cui i deputati di Forza Italia Elena Centemero, della Lega Paolo Grimoldi, del Movimento 5 Stelle Davide Tripiedi e del Pd Roberto Rampi con il senatore azzurro Andrea Mandelli e la democratica Lucrezia Ricchiuti cercheranno di convincere lo Stato a rivedere i parametri utilizzati per ripartire gli stanziamenti tra le singole province. Grimoldi, invece, non parteciperà all’iniziativa che i suoi colleghi avvieranno per sollecitare la giunta Maroni ad aprire i cordoni della borsa.L’esito del conto alla rovescia appare inesorabile: tra 19 giorni le linee di autobus Z225 e Z227 potrebbero essere soppresse. Il provvedimento della Provincia, che lascerà a piedi 8.500 tra pendolari e studenti che raggiungono Sesto San Giovanni partendo da Monza e Lissone, Nova Milanese e Muggiò, potrà essere scongiurato solo da un contribuito economico da parte della Regione o del Governo. A Roma i rappresentanti dei ministeri rimangono in silenzio mentre l’assessore lombardo ai Trasporti Alessandro Sorte ha ribadito che il Pirellone non stanzierà altre somme straordinarie.

Il presidente brianzolo Gigi Ponti e i sindaci faranno il punto durante l’assemblea in programma giovedì 16 febbraio, quando il conto alla rovescia dirà dodici giorni al taglio degli autobus.

http://www.ilcittadinomb.it/stories/Cronaca/tagli-degli-autobus-in-brianza-il-conto-alla-rovescia-non-si-ferma_1223658_11/

9 Febbraio 2017